Verruche

Le verruche, molto diffuse e contagiose, sono neoformazioni cutanee benigne di origine virale che si osservano nei bambini e negli adulti.

Si distinguono tre tipi di verruche:
1. verruche volgari
2. verruche piane giovanili
3. verruche plantari


Verruca Verruca
VERRUCA PORRO DORSO MANI VERRUCA PLANTARE













Le verruche volgari
o verruche porro colpiscono con maggiore frequenza le superfici dorsali delle mani, a volte i solchi periungueali e sottoungueali; al cuoio capelluto assumono aspetto digitiforme.
Le verruche non danno sintomatologia subiettiva e decorrono cronicamente. Talora possono regredire spontaneamente, in altri casi si osservano continue recidive nonostante le ripetute asportazioni.
L'infezione avviene per contatto diretto con un periodo di incubazione variabile da una settimana a più mesi.
La comparsa delle verruche appare condizionata da fattori psicosomatici: è nota la insorgenza e la scomparsa delle verruche in seguito a stati emotivi.
Non esiste una terapia generale delle verruche. La terapia consiste nella distruzione degli elementi con Elettrocoagulazione, previa anestesia locale, Crioterapia, Laser Co 2 .

Verruca
VERRUCA PIANA GIOVANILE









Verruche piane giovanili

Colpiscono elettivamente i bambini ma si possono osservare anche negli adulti.
Le papule, molto numerose fino a centinaia di elementi, possono essere isolate o raggruppate, talora sono disposte lungo escoriazioni cutanee di origine traumatica rivelando un fenomeno reattivo isomorfo (segno di Koebner).
Sedi elettive: guance, fronte, ment. Decorso cronico. Possibile la regressione spontanea.
La terapia è di solito difficile perchè seguita da recidiva e talora da formazione di cicatrici.
L'elettrocoagulazione superficiale con terminali sottili e la crioterapia sono i mezzi terapeutici più adoperati.

Verruca Verruca
VERRUCA PLANTARE VERRUCHE PLANTARI MULTIPLE









Verruche plantari

Queste verruche localizzate alla pianta del piede sono sottoposte a continua pressione così che invece di proliferare in superficie, si approfondiscono determinando formazioni a fittone che possono raggiungere anche l'aponeurosi plantare.
Le verruche plantari si possono presentare in uno o più elementi che possono essere disseminati ovvero disposti a gruppi.
La confluenza di più elementi conduce alla formazione di placche verrucose di notevoli dimensioni (verruche a mosaico).
La pressione al centro della verruca provoca dolore più o meno intenso fino a rendere la deambulazione difficile.
Terapia – non esiste una terapia specifica.
Il trattamento consiste nella distruzione degli elementi mediante più metodi: si può ricorrere all'elettrocoagulazione, alla crioterapia, al Laser Co2. Si tenga presente che tutti i trattamenti della verruca plantare possono essere seguiti da recidiva